domenica 22 marzo 2015

IL DOLCE DI MARIA...io c'ero.

Con grande orgoglio, da ieri sera nella mia speciale graduatoria dei migliori attori-registi di tutti i tempi viene annoverato il Banano, dietro soltanto al grande Marlon Brando. Ne è passata d'acqua sotto i ponti dai tempi di Miselò (inflessione dialettale del bana non traducibile a occhio nudo). 
Trasportato dalla trance agonistica degli attori nell'oscurità della sala in più di un'occasione mi sono lasciato andare ai sentimenti. 
Eh  si, mi sò commosso. 

Senza scomodare Goldoni o Scekspir (a Cini si scrive così) ci avete regalato una serata divertente, una commedia scorrevole e mai noiosa. Particolarmente azzeccata la scelta dei ruoli. 
Per esempio, Elvio-Groppatonda-Riccardo è vicino al reale, Frenzis-Matteo talmente calato nella parte del pittore un pò buo da far dubitare dell'inviolabilità del suo culo.  
Nota di merito agli scenografi che non badando a spese si sono avvalsi di effetti speciali degni di Star Wars (una candela portata da Camilla durante il funerale e il botto del tappo della boccia di prosecco).
Ora chi mi conosce sa che sarebbe arrivato il momento delle pagelle, ma chi sono io per giudicarvi? Non sono Aldo Grasso, io sono grasso e basta. Me la cavo con un bravissimi tutti.   
Non  me ne vogliano gli altri ma la "frasca" del migliore ( se a Cannes danno la palma...) mi sento di darla a Victor-Banano e alla sua macchia di unto sulla maglia (la macchia è da catalogare tra gli effetti speciali?).
La sala sold out e i 27 minuti di applausi ininterrotti (pari solo al discorso di Fantozzi alla proiezione della corazzata Potionkin) hanno decretato il meritato successo.

Grazie ragazzi, una risata allunga la vita.

P.s a tutti i laidi che hanno fatto scorrere la scatola per l'offerta come fosse un pacco bomba... sarete i più ricchi del cimitero...

                                                             il direttore
                                                              sf o sdm

2 commenti:

  1. un solo rimpianto: io non c'ero.
    ma grazie al nostro DIRETTORE mi pare d'avella vista (a Cini si dice così)
    complimenti al Bana e a tutta la combriccola.
    la prossima volta però fate un fischio.
    ciao dal maso

    RispondiElimina
  2. The place where you put in the printer is recommended that or not it's between 15ºC and 30ºC to avoid problems that result on} print high quality. In very hot environments, material circulate or shrinkage may be affected, leaving threads or bubbles on the piece surface. Installing your printer in an optimal surroundings improves its performance, maintains its useful life and that of the filaments, it also reduces want to|the necessity to} constantly perform sure Bath Sheets upkeep operations. Using the 3D printer’s heated printing bed to create a thermal cycler. The 8-sample magnetic particle processor attachment proven in Fig 1C was connected to the luer-lock connector on the syringe barrel to operate extraction. The MPPA proven can process eight samples utilizing a 96-well plate that holds the samples and reagents.

    RispondiElimina