giovedì 21 settembre 2017

Ad un passo dalla storia...Coppa Cobram versione biliardino.


Quella che andrai a leggere è una storia vera, tuttavia alcune scene, luoghi, nomi ed eventi sono stati modificati ai fini drammatici.

Per colpa di una stampa sportiva distratta o negligente rischiava di passare sotto traccia una delle favole sportive più belle di sempre. Fortuna vuole che noi, segugi dell'informazione strampalata, siamo sempre a caccia del "caso umano" di turno e anche stavolta, a suon di dobloni, l'esclusiva non ce la siamo fatta sfuggire. 

Partiamo con ordine con il racconto per quei tre o quattro che ancora non sanno cosa sia accaduto.
Una nota azienda di elettrodomestici (di cui ometterò il nome finchè non arriva il bonifico) decide che è ora di finirla con le pause pranzo a oziare sui social e organizza un torneo aziendale. Una sorta di Coppa Cobram versione biliardino a cui tutti i dipendenti sono costretti a partecipare. Ma il vero motivo che mi porta a battere su 'sta tastiera, è la partecipazione alla contesa di DJ.Cavallo, uomo di punta del team Le Ficarì. 
In coppia con Marino, compagno di turno e di bagordi, si iscrivono come "i Pelati" per le glabre zucche esibite con orgoglio. La loro cavalcata si fa da subito entusiasmante. Le doti da bomber navigato di Marino colmano le lampanti lacune in porta del nostro DJ.Cavallo. 
I primi turni sono agevoli per i nostri eroi. Gli allibratori calano vistosamente la quota a vincere dei Pelati. Nell'aria si sente puzzo d'impresa. 
La serata delle final eight il palazzetto è gremito in ogni ordine di posto. Sulle tribune si fa largo l'idea che gli Hairless siano un pò come il Leicester di Ranieri... 'na manica di brenne che ha vinto la Premier League. 
Marino è implacabile sotto porta e DJ.Cavallo pare Buffon.
Il trionfo è netto quanto insperato alla vigilia. Inizia la festa. Bus scoperto (Ape 600 del poro Checcone... compianto porchettaio cinigianese degli anni '60) e caroselli in città fino a notte fonda, con capatina nel sottobosco del sesso a pagamento. Che fai ti privi.
I giorni a seguire servono per metabolizzare e capire le dimensioni dell'impresa (soprattutto a me).
La sera seguente mi chiama DJ.Cavallo per organizzare l'intervista e per dirmi che andranno a giocarsi il titolo europeo. Ho un mancamento, mi defibrillano. 
La sede scelta per le finali europee è Varese più per la vicinanza con Malpensa che per tradizione. I nostri eroi vengono trattati come mucche Kobe. Business class sul FrecciaRossa, albergo 5 stelle, Ombrelline durante i match etc.
Alla cerimonia d'apertura della prestigiosa competizione è proprio DJ.Cavallo a prendere la parola. Parte con una filippica (pippone) sulla diversità e l'inclusione, riceve novantadue minuti di applausi. "Basta chiacchiere è ora di giocare", sentenzia il signor Cobram in persona.  
Quando il sole è basso all'orizzonte inizia l'europeo per i Pelati.
Il sorteggio non è stato favorevole, al primo turno affrontano la Russia. Per spezzare l'equilibrio del match ci vuole un gol fortuito di Marino. Si va avanti.  Negli ottavi di finale battono una Francia a squadra mista con lui piuttosto isterico e solo la presenza del servizio di sicurezza evita la colluttazione. Nei quarti di finale contro la talentuosa Serbia hanno bisogno di un supplementare per spuntarla. 
La semifinale è contro i temibili inglesi che tutti danno per favoriti. Alle presentazioni di rito si spacciano per accaniti tifosi del Cristal Palace. (Più amanti del Cristal visto le bollicine che tracannano tra un match e l'altro). La partita è molto equilibrata DJ.Cavallo oltre alle ormai consuete grandi parate segna il gol decisivo. "ANDIAMO A BERLINO BEPPE"...I PELATI BUSSANO ALLE PORTE DELLA STORIA...titoleranno i giornali il giorno dopo. 
Alla finale, dall'altra parte del tabellone, arriva una coppia femminile portoghese.          
I nostri Pelati (vecchi marpioni) per cavalleria fanno scegliere il campo alle donzelle e loro da brave strateghe prendono la parte col vento a favore.
La partita viene spezzettata e rallentata dalla donna in porta, che, dettaglio non trascurabile, è in dolce attesa. Questo tipo di gioco toglie ritmo e fa innervosire Marino. 
L'epilogo è grottesco, le belle lusitane si impongono nettamente.

I Pelati hanno sottovalutato le avversarie o il destino cinico e baro ha fatto il suo corso? L'unica certezza è che LA STORIA NON APRE. 

E' il momento dei bilanci. Nonostante la delusione per aver perso la finale contro due donne, l'intera avventura è da considerarsi comunque positiva. La medaglia d'argento solo a Siena è sinonimo di fallimento. 

Ora l'intervista con DJ.Cavallo.

Visto i tuoi trascorsi decisamente poco sportivi ho trovato davvero incredibile, primo la tua partecipazione, secondo la tua abilità. 

DJ.C : Innanzi tutto saluto tutti quelli che mi conoscono.

- Guarda che non sei in televisione e questo è solo un modesto registratore.

-DJ.C : Vero. Nonostante un addestramento da Navy Seal, non ho mai avuto velleità sportive e il mio livello di competitività era nullo.  Costretto a partecipare, mi sono via via calato nel ruolo, e va detto che essere in coppia con Marino, un vero fenomeno, ha ridotto al minimo il mio disagio negli sport a confronto diretto. E poi come si dice, l'appetito vien mangiando. 

- Andando a spulciare nei polverosi archivi sportivi paesani sono riuscito a trovare momenti di gloria che ti hanno visto protagonista, ti va di raccontarceli?

DJ.C: Gli ingredienti per una storia romantica ci sono tutti. Cosa rende sensazionale la cosa? Per farvi capire le mie modeste abilità in tutti gli sport il ruolo di maggior prestigio che ho ricoperto è stato fare il palo di una porta in un Cinigiano-SantaRita del 1982 finito 4-2. Crescendo la mia fama di "scarso" mi ha accompagnato. Non va taciuto però che a volte sia salito sulla ribalta anch'io . Nel mio palmares ho due nette affermazioni nei campionati comunali di masturbazione (1983-1984). Tra l'altro scrissi una tesina sui benefici sulle masse arrapate della visione di film con Teresa Orlosky. Il MANOscritto mi valse una laurea ad honorem che mi consegno il rettore della facoltà di scienze della masturbazione (the little miller). 

-Quello che hai fatto puzza clamorosamente d'impresa, ne sei consapevole?

DJ.C: ancora non riesco a capirne bene le dimensioni. Solo col tempo, quando al posto di Fontamara di Ignazio Silone nelle scuole leggeranno la storia dei Pelati ad un passo dal paradiso forse ne diventerò consapevole.  

-Per chiudere, cosa si sente di dire ai suoi nuovi follower?

DJ.C : E' evidente che non verrò ricordato come sportivo poliedrico, ma ho realizzato exploit leggendari. Un episodio significativo è giusto che si sappia. Il 9 agosto 1987 in una partita di calcio in spiaggia al Bagno Bertini realizzai un gol in rovesciata che mi tenne sulla ribalta calcistica locale per diversi giorni con i talent scout che mi venivano a cercare da ogni dove.
E' chiaro che, come la cometa di Halley passa ogni 77 anni, io ogni 30 anni riesco a fare qualcosa di sensazionale, quindi NEVER GIVE UP.
Mi sento di chiudere con una massima del mio mentore Aldo Rock: la vittoria  non è arrivare primi ma tagliare il traguardo consapevoli di aver dato tutto.

- ehsticazzi...

                                                                    il direttore
                                                                      S.d.M
   
        


   



1 commento:

  1. COME HO TROVATO IL FAVORE NELLE MANI DEL Dr. Adeleke ... Mi chiamo Agda Noah e vengo dagli Stati Uniti, Washington. Ho sempre promesso di raccomandarti alle persone là fuori che potrebbero anche aver bisogno del tuo aiuto, perché trovare la tua e-mail è stata la cosa migliore che mi sia mai capitata, Dr. Adeleke sei l'uomo più premuroso e compassionevole che abbia mai conosciuto. Ero così giù dopo essere stato senza amore per quasi cinque anni. Ho richiesto un incantesimo d'amore di ricongiungimento e sorprendentemente ha funzionato. Vivo felicemente con l'uomo più adorabile al mondo ed è per questo che ho pregato. Grazie Dr. Adeleke non sarebbe abbastanza, considerando quello che hai fatto per me, così ho deciso di condividere questa testimonianza del tuo lavoro manuale a tutto il mondo per conoscere il tuo buon lavoro per me. Puoi contattare quest'uomo per qualsiasi problema di relazione e anche lui ti aiuterà, tramite la sua e-mail: aoba5019@gmail.com o chiamalo / whatsApp +27740386124

    RispondiElimina